3 LA FINANZA ISLAMICA IN ITALIA: QUALCOSA DI CONCRETO FINALMENTE SI MUOVE (PARTE TERZA).

Riprendiamo la trattazione in merito al Progetto di Legge n. 4453 rubricato “Disposizioni concernenti il trattamento fiscale delle operazioni di finanza islamica”, analizzando le “Operazioni sul mercato del debito” ripotati nel Titolo II – articoli 4 e 5.

 

In tale ambito, il Progetto di legge prende in considerazione i “Sukuk”.

 

 “SUKUK”: cenni.

 

Il Sukuk è definito dall’Accounting and Auditing Organization for Islamic Financial Institutions (AAOIFI) come “certificati rappresentativi di quote indivise della proprietà di beni materiali, usufrutti e servizi o della proprietà di beni connessi a particolari progetti o speciali attività di investimento”.

 

L’emissione ricalca lo schema analogo previsto per le cartolarizzazioni di cui alla Legge 30 aprile 1999, n. 130; infatti, i Sukuk, in un utilizzo non islamico, possono rappresentare la cartolarizzazione di beni pubblici.

 

Si è volutamente utilizzato l’aggettivo “analogo” perché somigliano, quindi non sono uguali, alle operazioni di cartolarizzazione:

 

1) per la presenza dei soggetti coinvolti (originator, veicoli, investitori), e

 

2) per la qualità degli (omogeneità e rating),

 


mentre presentano le seguenti differenze sostanziali con la cartolarizzazione:

I rapporti che si instaurano tra l’Originator e il Spv (acronimo di Special Purpose Vehicle) sono conformi alla struttura dei contratti islamici:

 

1) Sukuk al-Murabaha;

 

2) Sukuk al –Ijarah.

 

I Sukuk si differenziano dalle obbligazioni in quanto quest’ultime rappresentano un debito dell’emittente, mentre i Sukuk:

 

1) importano il rischio strettamente connesso alla solvibilità dell’emittente;

 

2) rappresentano una partecipazione nella titolarità di un bene esistente oppure di un progetto .

 

Riflessi fiscali previsti nel Progetto di legge n. 4453.

 

È possibile riassumere i risvolti fiscali utilizzando la seguente tabella che prende in considerazione i soggetti coinvolti nell’operazione:

(Segue)

Scrivi commento

Commenti: 0